I giochi di scienze educativi per i bambini piccoli

I giochi da sempre fanno parte della crescita dei bambini, fin dalla prima infanzia. Dai tre ai cinque anni, si passa a far fare ai bambini dei giochi di manipolazione (come i puzzle), musicali e che sviluppano la motricità e l’autonomia. Non è infrequente, che verso i cinque anni si comincia anche a fargli fare giochi che li introducono al mondo della scienza.

I travasi

Uno dei primi giochi di tipo “scientifici” è sicuramente iltravaso d’acqua. Ai bambini piccoli piace giocare con l’acqua e quindi perché non iniziare un gioco di scienze proprio con questo elemento.

Mettendo due recipienti (grandi come delle tinozze) in bagno, in giardino o sul terrazzo, i bambini possono iniziare a giocare “sperimentando” di persona com’è l’acqua e quali proprietà ha, fornendogli anche altri materiali, come: vaschette di plastica, brocche, diversi tipi di spugne, tappi da sughero, cannucce, palloncini, colori a tempera o acquarelli, ed altri oggetti di vario genere. Dopo aver riempito le vaschette (per un quarto), si invita i bambini a immergerci diversi oggetti, per vedere se galleggiano o no. Un oggetto che può destare curiosità nei bambini è di sicuro la spugna, che assorbe l’acqua, suscitando mille domande da parte dei bambini, soprattutto sul come funzioni. E’ il genere di gioco che può essere ripetuto anche in mattinata, durante la colazione, quando i bambini imbevono i biscotti nel latte.

Dall’acqua, si può passarealla semina e al travaso delle piante, iniziando così a far conoscere ai bambini anche il mondo delle piante.

L’esperimento del sottomarino fatto in casa

Tutti i bambini conoscono i sottomarini e desiderano fare un giro all’interno di essi per osservare le specie marine dell’oceano. Perché non crearne uno insieme a casa? Costruirne uno non solo li renderebbe felici, ma farebbeimparare loro qualcosa di nuovo dal punto di vista scientifico.

Per realizzare un sottomarino fatto in casa avrete bisogno di: vasca da bagno, nastro isolante, bottiglia di plastica con tanto di tappo, pistola per la colla a caldo per creari un buco nella tappo della bottiglia e ai lati, plastilina, un tubo di plastica e qualche pietra.

Percostruire il sottomarino dovete prendere la bottiglia e fare su entrambi i lati tre fori di 2 centimetri ed un foro sul tappo utilizzando la pistola per la colla a caldo. Attaccate le pietre con del nastro adesivo tappando un dei lati con i fori. Dopodiché inserite il tubo di plastica all’interno delle bottiglia passando per il foro presente nel tappo. Poi mettete la plastilina attorno allo spazio che c’è tra il buco del tappo ed il tubo inserito.

Quando metterete il sottomarino nella vasca piena d’acqua, noterete che affonderà nella parte in cui avevate messo le pietre. Se fate soffiare a vostro figlio/a all’interno del tubicino di plastica, l’aria farà gonfiare il sottomarino che poi inizierà a salire in superficie con tanto di bollicine dietro.

Creare uno slime fatto in casa

Con questo gioco scientifico farete conoscere a vostro/a figlio/auna materia né solida né liquida, una melma unica che lo lascerà a bocca aperta.

Per creare uno slime fatto in casa avrete bisogno di: una ciotola, una bilancia per pesare gli “ingredienti”, 79 millilitri d’acqua, 95 grammi di amido di mais, cinque gocce di colorante alimentare (potete anche non usarlo) ed una busta di plastica sigillabile.

Per creare lo slime dovete versare l’acqua in una ciotola e se lo avete anche il colorante alimentare. Dopodiché aggiungete poco a poco l’amido di mais all’acqua. Fate riposare il composto per circa 3 o 4 minuti. Fate “impastare” a vostro/a figlio/a il composto con entrambe le mani e poi fategli formare un palla di materia. Nel momento in cui aprirà la mano, noterà che la melma sarà tornata ad uno stato un po’ più liquido. Conservate il vostro esperimento all’interno di una busta richiudibile.

Lo slime non è altro che un polimero, cioè un composto fatto di lunghe catene di molecole identiche chiamate monomeri.

I giochi da acquistare o da effettuare su internet

Dopo aver iniziato con questi primi esperimenti, facili da fare con del materiale reperibile in casa, si può andare nelle librerie e nei negozi di giocattoli, per acquistare libri e giochi scientifici per bambini, oppure è possibile visitare alcuni siti internet che offrono gratuitamente giochi molto carini ed utili.

Uno dei giochi più apprezzati in questo campo, è di sicuroRino Amico Scienziato, del quale sono disponibili anche dei video da visualizzare sia su internet che sulle app dello smartphone. I giochi proposti riguardano sia il mondo che degli animali e delle piante, sia il corpo umano. Se ti interessa,qui trovi tutte le informazioni su Rino Amico Scienziato.

Trovare il gioco giusto per un bambino non è difficile, e per studiare il corpo umano si possono acquistare dei modellini, dove i bambini possono imparare i nomi e le funzioni dei vari organi e parti del corpo, mentre lo costruiscono.

Non da meno,in libreria ci sono diversi volumi per bambini di tutte le età (accompagnati da immagini tridimensionali o kit per esperimenti), che li può invogliare non solo a fare esperimenti, ma anche a leggere, soprattutto se hanno iniziato da poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *