botulino alimentare e conservazione peperoncino

Botulino alimentare e conservazione del peperoncino

Creare salse e conserve casalinghe con frutta e verdura può essere molto piacevole e ha molti vantaggi. Ma può anche aumentare il rischio di malattie di origine alimentare se non si rispettano rigidi standard di sicurezza.

Sebbene sia un evento raro, il botulismo è generalmente associato a dei metodi di conservazione casalinghi impropri, come evitarlo dunque nella conservazione del peperoncino?

Cos’è il botulismo?

Tra i molti tipi di malattie di origine alimentare, il botulismo è uno dei più pericolosi. Può causare paralisi ed essere pericoloso per la vita ma, fortunatamente, è piuttosto raro.

Il botulismo è solitamente collegato con la conservazione dei cibi e la realizzazione di frutta e verdura a casa. Il botulismo è causato dal batterio Clostridium botulinum (C. botulinum ), che rilascia una neurotossina, un veleno che attacca il tuo sistema nervoso.

Segni e sintomi del botulismo di origine alimentare iniziano in genere tra 12 e 36 ore dopo che la tossina è entrata nel tuo corpo. Ma, a seconda della quantità di tossina consumata, l’inizio dei sintomi può variare da poche ore a pochi giorni.

Poiché influisce sul controllo muscolare in tutto il corpo, la tossina botulinica può causare molte complicazioni. Il pericolo più immediato è che non sarai in grado di respirare, che è la causa più comune di morte nel botulismo. Altre complicazioni, che possono richiedere un intervento terapeutico, possono includere:

  • Bocca asciutta
  • Debolezza facciale su entrambi i lati del viso
  • Visione offuscata o doppia
  • Palpebre cadenti
  • Problemi di respirazione
  • Nausea, vomito e crampi addominali
  • Paralisi

Come conservare il peperoncino?

Anche il peperoncino, se mal conservato, può causare la proliferazione di questa tossina tossica. Come fare per scongiurare questo rischio?

I peperoncini essiccati sono sicuri e si mantengono ottimamente. In questo caso, è possibile rimuovere tutta l’umidità, permettendoti di reidratarli in seguito o di macinarli in polveri e miscele di polveri. Metti semplicemente i peperoncini interi su una teglia e scaldali nel forno alla temperatura più bassa finché non sono asciutti. Una volta che si sono avvizziti e scuriti di colore, sai che sono pronti. Sforna e lascia raffreddare a temperatura ambiente, prima di riporli in un contenitore ermetico.

Il congelamento è uno dei metodi più semplici per preservare il raccolto di peperoncino. I peperoncini sono una delle poche verdure che possono essere congelate senza doverle prima sbollentare. Sorprendentemente, i peperoncini congelati non si trasformano in poltiglia nemmeno quando vengono scongelati. Perdono un po’ della loro croccantezza, ma mantengono il sapore dei peperoncini freschi.

Conservare i peperoncini in olio d’oliva conferisce all’olio un sapore e una marcia in più, a seconda del tipo di peperoncino che stai utilizzando per la conservazione.

Se noti che il contenitore in cui hai conservato il peperoncino perde o è rigonfio, oppure il peperoncino ha cambiato colore ed emana un cattivo odore, potresti avere a che fare con un possibile rischio di contaminazione. Non assaggiare mai il cibo per determinare se è sicuro: buttalo senza pensarci due volte. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *